Il “mandala-biscotto”: il dolce Buono

L’intento -tra l’ironico e il serio- è di inventare/cucinare un biscotto nuovo per il fine pasto in compagnia: il “mandala-biscotto”

Siamo abituati alle mono porzioni, a tagliare una torta in fette o a condividere un vassoio di pasticcini, perché non aggiungere, come alternativa, un grande biscotto da mettere al centro del tavolo e da spezzare con le mani?

IMG_20170301_142241

 

Il disegno del mandala (ahimè le mie competenza in fatto di glasse e sac a poche sono piuttosto scarse…!) da al dessert una connotazione calda e intima, quasi spirituale*.

Lo spezzarlo con le mani è da vivere come una espressione di non attaccamento (fondamento della pratica del mandala) e il condividerlo come un gesto di unione (mangiamo tutti lo stesso mandala portandoci quindi via, simbolicamente, una parte dell’altro).

*Se è vero che il cibo può curare e far gioire gli si può anche dare una connotazione lieve

 

Improvvisarsi con una certa ostinazione pasticcerartista. Raggiungere risultati esteticamente mediocri ma apprezzabili nel gusto

STE_7409_BSTE_7414_ASTE_7416_A

 

 

STE_7406

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: